incontri, primi, quick & easy, ricette, senza glutine

insalata tiepida di quinoa, puntarelle e mele

ovvero: compra un porro, una mela e un cespo di cicoria/scrigno per puntarelle e divertiti.

Periodo di latitanza vera, fatto di moltissimi progetti in ballo (si era parlato di duemilaecredici, non dimentichiamolo) che presto verranno alla luce. Ad esempio, martedì mattina salperò alla volta di Barcellona, e sabato mi troverete con un banchetto pieno di delizie dolci e salate alla seconda fiera vegana. Quindi, ci si risentirà al ritorno, quando avrò imparato cose pazze 🙂

MAE_0029.NEFCosa serve (per 4):

220 g quinoa

un porro giovane

una mela croccante

un cespo di puntarelle con relative foglie di cicoria

due limoni

olio buono, tamari (senza glutine)

Come si fa:

Sciacquate la quinoa in un colino a maglia fine (l’incubo, io uso una ciotola per raccogliere i grani che perdo scolandola) e lavate le verdure. Tagliate le foglie della cicoria a tocchetti.

Lessate quinoa e cicoria per 15 minuti scarsi. Scolateli.

Nel frattempo, in una terrina capiente, riunite il porro tagliato a striscioline (io prediligo il taglio secondo le nervature per una questione di maggiore digeribilità), la mela e le puntarelle a pezzettini, la scorza e il succo dei limoni.

Aggiungete la quinoa alla marinata e condite il tutto con olio e salsa di soia, regolandovi secondo il vostro gusto.

Io l’ho accompagnata con i burger di tofu e sesamo. Positivo.

MAE_0040.NEF

barcelona

7 pensieri riguardo “insalata tiepida di quinoa, puntarelle e mele”

  1. che bello che partecipi alla fiera 🙂 Mi racconti meglio la storia del porro più digeribile se tagliato a julienne? Se lo dici tu io ci credo.

    Mi piace

    1. ciao cara! mi hanno raccontato questa storia mesi fa ormai, non so ritrovare la fonte ma mi sono accorta che con me funziona… sostanzialmente seguendo le fibre e non tranciandole ogni due mm non vengono liberate le sostanze contenute all’interno di esse! quindi io taglio i porri a tronchetti di sei-otto cm e poi li affetto per il lungo. vorrei tanto essere più precisa… appena ritrovo i documenti mi spiegherò meglio. baci!

      Mi piace

      1. sono tornata! ieri mattina all’alba… a breve un post con anche le foto (ovviamente io non ne ho fatte :P) se mai qualcuno me le passerà! domanda: ma la sinapa è la minestra (erba minestra)?

        Mi piace

      2. boh! la trovavo al mercato. foglie verdi/grigiastre, costola centrale molto dura, si usava solo la parte morbida e non quella che si spezzava con uno schiocco. non ho idea di cosa fosse… sono passati anni ormai, e allora di erbe ne sapevo troppo poco… 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...