forneria, ricette, secondi

la piadina fatta in casa

E insomma prima o poi si doveva ricominciare con qualcosa, da queste parti.
image

Del perché ricominciare con una piadina, non avete idea.

Come al solito, arrivano quei momenti stagionali in cui il numero di vasetti, barattoli e sacchetti nella dispensa supera di gran lunga la capacità contenitiva della stessa. Di solito, sono anche quei momenti in cui apri il frigo e dici “ah ma cosa mangio oggi? Non c’è niente”. Ecco. Non è vero. Adesso hai tempo e non sei più obbligata a mangiare una cosa al volo tra un capitolo e l’altro, e quelle farine andranno a male se non le adotti. È tuo dovere ricavare qualcosa da quelle polveri, che non siano castelli di sabbia sul lavello.

Ieri dovevo quindi andare a fare la spesa perché non avevo niente in casa, solo dell’insalata sul viale del tramonto, un botto di salse-salsine-salsette, del latte di soia (evento!) e l’ormai famosa dispensa straripante di barattoli mezzi vuoti. Nemmeno una cipolla (senza cipolla non vale la pena vivere, ma c’era almeno dell’aglio per risollevare le sorti del mio pranzo che andava a disegnarsi tristissimo).

L’ordine dei pensieri è stato: vabbè con l’insalata ci mangio delle polpette, per forza, magari col miglio così libero quel barattolo – abbondiamo di spezie così non si sente la mancanza di verdure – oddio non ho il pane – panico – no non esiste, adesso cerco la ricetta della piadina, mica deve lievitare quella – già che ci sono uso pure quella farina di canapa.

Il risultato, però, è andato molto oltre le mie aspettative (che non erano altissime, lo ammetto). La farina di canapa dona un twist noccioloso che rende la piadina a tutti gli effetti golosissima già da sola, io me la immaginavo accompagnata da una crema di tofu… meraviglia.

image

Questa ricetta serve anche da pretesto: non ho fatto la piadina in casa perché sono pigra e non voglio scendere a comprare il pane (uhm, anche, ma non è il punto ora). Io faccio la piadina in casa perché posso farlo, perché al termine del pranzo non avrò buttato una confezione di plastica nel cestino, perché avrò risparmiato dei soldi, perché avrò mangiato una cosa più sana.

Io credo nell’autoproduzione, e ci credo tanto, ma con tutte le contraddizioni insite nel mio stile di vita, dirlo ha senso solo se serve come stimolo costante. Mi sposto in bicicletta e con i mezzi pubblici ma ho uno smartphone, uso prodotti di stagione ma poi alle banane non resisto, raccolgo le erbe spontanee ma vado al supermercato, faccio la piadina superhealthy e poi friggo le polpette (con tutti i problemi di smaltimento dell’olio, pure!). Come uscirne?

Credere nelle sfumature di grigi: io sto tra il bianco e il nero, oggi sono grigio perla, domani sono antracite, vivo nella consapevolezza di quello che faccio e questo mi basta, quasi sempre.

 

Cosa serve (per 4):

per le polpette:

un bicchiere di miglio lavato

l’equivalente di un dado per brodo (di verdure)

prezzemolo, basilico, origano

un cucchiaino di semi di coriandolo pestati

uno spicchio di aglio tritato

3 cucchiai colmi e stracolmi di farina di ceci

farina di mais per le panature (mezzo bicchiere, a occhio) o pangrattato

un limone

olio evo, olio per friggere

sale

per le piadine:

250 g di farina 00

3 cucchiai colmi di farina

150 ml di latte di soia

4 cucchiai di olio evo

1 cucchiaino di sale

1/2 cucchiaino di bicarbonato

 
Come si fa:

Polpette:

scaldate un goccio d’olio in una padella, unite il miglio, tostatelo leggermente e versateci sopra 3 dosi di acqua bollente (per un bicchiere: tre bicchieri) e il dado sbriciolato (io ho usato quello fatto in casa da un’amica, eh eh). Coprite e cuocete a fuoco medio-basso per venti minuti, poi spegnete e fate riposare ancora un po’. Nel frattempo preparate l’impasto della piadina.

Trasferite il miglio in un robot, aggiungete le spezie e l’aglio, la farina di ceci, un pizzico di sale, un giro d’olio, il succo di mezzo limone e frullate bene. Versate l’impasto in una ciotola e aggiungete la farina/pangrattato finché non appare compatto. Fate riposare.

Formate delle palline dalla grandezza di una grossa noce, bagnandovi le mani in acqua per aiutarvi.

Scaldate un dito di olio in un pentolino con un pezzettino di pane all’interno: quando sfrigolerà sarà l’ora delle polpette. Friggetene poche alla volta, cercando di lasciarle immerse almeno per metà della loro altezza, poi giratele e quando sono ben dorate uniformemente scolatele e poggiatele su un piatto con carta assorbente. Quando le avete finite tutte, trasferitele su un piatto e spruzzatele col succo del mezzo limone rimasto.

image

Piadine:

riunite in una terrina le farine, il sale, il bicarbonato, l’olio. Scaldate il latte in un pentolino finché non diventa tiepido, versatelo in più riprese nell’impasto, mescolando piano. Alla fine lavorate brevemente il composto su una spianatoia infarinata finché non risulta morbido e non appiccicoso. Capovolgete la terrina sulla pallina di impasto e fatelo riposare almeno trenta minuti. Nel frattempo fate le polpette.

Riprendete l’impasto, dividetelo in quattro, stendetelo molto sottile con un mattarello, staccandolo e capovolgendolo più volte e, se serve, infarinandolo poco. Scaldate una padella pesante e quando è molto calda cuocete la piadina, girandola più volte in modo che cuocia uniformemente da entrambi i lati.

E ora il momento più agognato: la farcitura. Io ho optato per l’ajvar (una salsa di peperoni, in questo caso piccante), ma voi potete spaziare.

image

4 pensieri riguardo “la piadina fatta in casa”

  1. hanno un ottimo aspetto!Leggendo la riflessione sulle contraddizioni, ogni nuova riga dicevo: “oh!anch’io! anche questo lo faccio! e anche questo!”
    come vedi sei in buona compagnia, ma l’importante è esserne, appunto, consapevoli. Buona giornata!Cris

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...